Consigli

I 6 errori da EVITARE assolutamente dal 4 Maggio

4 Maggio, inizio della “Fase 2“. Se fino ad oggi, era possibile “fare jogging” vicino casa (a meno di decreti di zona più stringenti) adesso si potrà tornare a sfrecciare in bicicletta e a correre lontani da casa. Ma attenzione! Vi vogliamo mettere in guardia da 6 errori che dovete assolutamente evitare in questa “ripartenza”.

1 – Farsi prendere dall’euforia.

Sei stato chiuso in casa due mesi. Non corri da Febbraio o hai corso in maniera sconclusionata su e giù per il garage. Non sai nemmeno più com’è fatto il sellino di una bicicletta. Beh, il 4 Maggio, non fare come alla partenza delle non competitive, dove parti a cannone per poi morire dopo poche centinaia di metri. Non farti prendere dall’euforia del momento, ma goditi con parsimonia di energie la, seppur limitata, libertà che ti è ora concessa.

2 – Fare finta che questi 2 mesi non siano mai esistiti.

Eri riuscito ad avere una forma invidiabile a fine Febbraio? Beh, SCORDATELA, almeno per il momento. Non sei più quello di prima, probabilmente sono 60 giorni che non corri e il tuo apparato cardiaco, muscolare e respiratorio si è “adattato” a questo riposo forzato. Riparti con calma, e almeno per le prime 2-3 settimane, anche un mese, allenati con riserva per capire il tuo corpo e stabilire a che punto sei. Ecco, poi potrai ricominciare la scalata al tuo picco di forma!

3 – Allontanarsi troppo alla prima uscita.

Sei abituato a correre 35km di lungo o a fare 120km in bicicletta? Ecco, forse non è il caso di farlo subito. Perché per “andare” è semplice, ma poi è il “tornare” che diventa un casino. E si rischia che un’uscita iniziata con il sorriso della ritrovata libertà, si tramuti in una via crucis da far impallidire pure gli evangelisti.

 

4 – Mettersi d’accordo con gli amici per fare dei percorsi insieme.

Ok ragazzi, il nuovo DPCM parla di “due metri di distanza” fra individui per essere in regola. Ma occhio! Perché se abusiamo troppo della (poca) libertà che ci hanno concesso, il 18 Maggio ci fanno ritornare tutti in casa. Quindi, andiamo da soli, ancora per un po’ di tempo…e gli amici continuiamo a sentirli virtualmente.

5 – Sputacchiare per terra (e sedersi sulle panchine/muretti tutti sudati)

Sei abituato a sputacchiare per terra per togliere la saliva misto sudore che ti si accumula in bocca durante uno sforzo? Beh, seppur schifoso già normalmente, ma ormai di prassi, ora più che mai cerca di evitarlo. Ci hanno già preso per untori, non diamo a chi non è sportivo una ragione per continuare a pensarlo. Per un fatto di igiene poi, evita di toccare i muri o le panchine con le mani o i pantaloncini sudaticci. Non si sa mai di diventare parte della catena di un possibile filone di contagio!

 

6 – Non avere obiettivi.

Lo so, a livello mentale è stato difficilissimo (e lo è tutt’ora). Ostacoli su ostacoli, notizie sempre negative, paure, ansie, blocchi…ma ora vediamo la luce in fondo al tunnel. Ma per ripartire, devi focalizzare un nuovo obiettivo, una corsa a Settembre, un chilometraggio da raggiungere a fine estate, che ti possa stimolare e farti dare il meglio per ripartire con la carica giusta. Se non hai obiettivi, continuerai il trend “da povero bastonato e chiuso in casa“. Invece è il momento di ripartire (e tirare fuori gli attributi)!

 

Segui queste indicazioni, metti mi piace al post e condividilo per farlo arrivare anche ai tuoi amici!