Strada

Il debutto in maratona di Kenenisa Bekele

6 Aprile 2014. Maratona di Parigi. Alla partenza i migliori atleti della specialità, più un debuttante etiope di 32 anni. È al via della sua prima maratona, ma le sue gambe hanno già all’attivo tantissimi chilometri e soprattutto due record del Mondo. Gli occhi sono principalmente puntati su di lui per ciò che potrebbe regalare al pubblico. Si tratta infatti di Kenenisa Bekele, recordmen dei 5.000m (12:37.35) e 10.000m (26:17.53), che sazio delle sue vittorie in pista, vuol provare a scrivere il suo nome fra i migliori anche nella 42km e 195m.

Tanti prima di lui ci hanno provato, spinti da quella legge fantasiosa che se andavano così forte sui 10Km, avrebbero fatto sfracelli anche su strada. Ma spesso e volentieri si trovavano davanti un muro su cui si infrangevano tutte le loro velleità. È il caso del detentore del record del Mondo della mezza Zersenay Tadese, storico rivale nei cross dello stesso Bekele, che con 58’23”, non è riuscito a scendere sotto le 2h10′ in maratona.

Kenenisa Bekele prima della partenza della Paris Marathon 2014

Ma Bekele è un campione a tutto tondo e gli addetti ai lavori lo sanno bene. Le lepri infatti gli costruiscono un passo da chiudere attorno alle 2h05 e Kenenisa Bekele alla fine chiude vittorioso in 2h05’04” (media di 2’57″/km).

Un debutto che subito lo spinge verso un qualcosa di fantascientifico: essere il primo al Mondo a conquistare un record del Mondo nei 5.000m, nei 10.000m e in Maratona. A Berlino nel 2016, si avvicinò paurosamente, conquistando la gara tedesca in 2h03’03”, soli 6″ da quel record del Mondo di Kimetto che, ad ogni gara, tutti i migliori hanno sulla punta della lingua.

(Foto copertina Michel Euler/AP)