Storie dal Mondo

Come correre una mezza maratona in 58’23” (2’46/km)? Chiedere a Zersenay Tadese

Era il 21 Marzo del 2010. Il primo giorno di primavera. Tutto si risveglia: la natura esce dal lungo freddo invernale, i fiori iniziano la loro lenta fioritura e le giornate piano piano cominciano ad allungarsi. A Lisbona quella mattina si risvegliò anche il Mondo della corsa su strada dopo aver assistito a ciò che l’eritreo Zersenay Tadese riuscì a fare nella mezza maratona cittadina. Ma andiamo per gradi. Chi è costui?

Zersenay Tadese nasce l’8 Febbraio 1982 ad Adi Bana in Eritrea. Inizia a correre “tardi” e all’età di 20 anni si affacciò al Mondo internazionale con un 6° posto ai Campionati africani nei 10.000m; Subito si capì che avrebbe potuto avuto la stoffa del campione. Nella sua carriera infatti è stato uno dei pochi a far arrendere sua maestà Kenenisa Bekele, conquistando 5 volte il Campionato Mondiale di mezza maratona, una volta il titolo Mondiale di cross e riuscendo a mettersi al collo un argento Mondiale e un bronzo Olimpico nei 10.000m in pista, correndoli nella sua miglior giornata in 26’37″25 (2’39″/km).

Quel 21 Marzo appunto, Zersenay Tadese riuscì a correre i 21km e 97,5 metri della gara con lo straordinario tempo di 58’23” (2’46/km), stabilendo il nuovo record Mondiale della distanza.

WR Half Marathon Lisbon – Zersenay Tadese

Sapete cosa voglia dire correre una mezza maratona sotto i 58'30"? No, perché al Mondo solo un uomo ci è riuscito.Uno dei pochi ad aver fatto arrendere sua maestà Kenenisa Bekele in un cross.Un bronzo Olimpico, 5 volte oro ai Mondiali di mezza maratona, 26'37"25 nei 10.000m (8° All-Time), ma soprattutto detentore del record del Mondo della mezza maratona con 58'23" (2'46/Km). Oggi compie 36 anni Zersenay Tadese.

Pubblicato da La gang degli Atleti disagiati su giovedì 8 febbraio 2018

Ma come si era allenato per arrivare a tutto ciò?

Pillole dei suoi allenamenti

Una prestazione del genere non nasce per puro caso. Serve tanto talento, ma soprattutto allenamento e ore e ore di corsa nelle gambe e nei polmoni. Fin da subito il suo allenatore capì che era adatto per le lunghe distanze anche se Tadese preferiva la qualità al volume (nonostante tutto correva 160-170Km a settimana).

Allenamento prima dei Mondiali di Berlino 2009

  • Premessa: dopo 10 giorni di stop causa infortunio e influenza i suoi allenamenti furono organizzati nel seguente modo:
  • 5 settimane in Eritrea (da Aprile a Giugno) con approssimativamente 150Km a settimana e 3 sessioni qualitative;
  • 6 settimane a Madrid da metà Giugno alla fine di Luglio. Test sui 5.000m in 13’07” (Meeting di Malaga) in una settimana di carico (180Km totali). 5 lavori di qualità da ripetere ogni 12 giorni;
  • 4 settimane in Eritrea, volume costante ma aumento della qualità dei lavori.

Alcuni lavori

  • Luglio 2006, 3x5x500m in 1’09”-1’10” con 2′ di recupero e 4′ fra le serie;
  • Settembre 2006 (prima della mezza di Rotterdam) 2x3000m in 7’57” e 8’00” + 3x1000m in 2’32”;
  • Dicembre 2007 (sterrato) 3x4000m in 10’41”, 10’39”, 10’37”. La settimana successiva corse i 10Km a Vallecana sotto i 27′;
  • Gennaio 2008, 5x2000m sotto i 5’20” con 3′ di recupero;
  • Febbraio 2008, test sui 10.000m sotto i 28′; 3x6x600m in 1’28”-1’29” con 2′ di recupero e 4′ fra le serie; 8x1000m in 2’37” di media + 400m in 59′ con 2′ di recupero.

Una sua settimana tipo (Dicembre 2008)

  • Lunedì 1h15′ corsa + tecnica + allungamento;
  • Martedì: 1h corsa + tecnica di corsa in salita + 80m sprint in salita;
  • Mercoledì: 30 minuti facili + 12km a 2’57”;
  • Giovedì: 1h25′ fondo lento
  • Venerdì: 30′ corsa + 10x1000m in 2’36”-2’38” con 1’30” di recupero;
  • Sabato: 1h15′ corsa;
  • Domenica: 40′ corsa + fartlek 3×2′ (rec 1′), 3×5′ (rec 1′), 6×1′ (rec 1′). Pomeriggio 30′ facili.

(fonte allenamenti Letsrun)