Indoor

Guida TV, pronostici sugli azzurri e le bellezze dell’atletica: tutto sui Mondiali indoor di Birmingham

Da Giovedì 1 Marzo a Domenica 4, nella cittadina britannica di Birmigham andranno in scena i Campionati Mondiali indoor di atletica leggera. Nate per vivere un po’ di atletica in pista anche nel periodo invernale, le gare indoor si sono sempre rivelate fonti di sorprese, vuoi per il numero limitato di campioni iscritti, vuoi per il periodo in cui sono collocate, vuoi per la sensazione a partecipare ad una “competizione minore” (con tutto il rispetto). Ne uscirà qualcuna anche dal pool dei 13 ragazzi azzurri?

Le speranze azzurre

All’inizio erano 4 uomini e 6 donne. Poi grazie alla regola dei target number si sono aggiunte altre 3 ragazze. A Birmingham saranno quindi in 13 gli azzurri in gara. Ecco i nostri pronostici.

Fabrizio Donato
Belgrado (Serbia) 3-5 marzo 2017, XXXIV Campionati Europei Indoor,Belgrad Arena,European Athletics Indoor Championships – Foto di Giancarlo Colombo/A.G.Giancarlo Colombo

Capitano, a 41 anni e mezzo è ancora lì a lottare. Ai Campionati italiani assoluti di Ancona si è vinto l’ennesimo titolo in carriera e si presenta a Birmingham con la nona misura di accredito. Finale alla sua portata. Per una medaglia mancano 30-40cm. Non sono impossibili, ci aggrappiamo a lui e noi ci crediamo: VAI CAPITANO!
MEDAGLIA: 35%

Alessia Trost
Praga 06-07-08/03/2015 Campionati Europei Indoor di Atletica Leggera2015,European Athetics Indoor Championships2015 – foto di Giancarlo Colombo/A.G.Giancarlo Colombo

Una stagione 2018 al coperto di medio valore. Entra grazie ai ripescaggi del target number e con la misura di 1.91m. Personale 10cm più in alto. Per la medaglia sembra però dura. Magari pensando di non dover essere della partita si è rilassata mentalmente e arriva qua senza grosse tensioni.
MEDAGLIA: 20%

4x400m donne

Teoricamente metà squadra è la stessa di quel record italiano abbattuto alle Olimpiadi di Rio de Janeiro. Folorunso e Lukudo si troveranno assieme a due fra Spacca, Bazzoni e Milani. USA e Giamaica imprendibili. Per la medaglia di bronzo c’è da lottare tanto (e avere parecchia fortuna).
MEDAGLIA: 5%

Yassin Bouih

Campione italiano al coperto 2018 sia nei 1500m che nei 3000m. In terra britannica correrà solo la gara più lunga ma sembra parecchio difficile competere con i vari Barega, Gebrhiwet e Kejelcha.
MEDAGLIA: 3%

Paolo Dal Molin

3 anni con tanti infortuni sicuramente non fanno bene, ma nel 2018 torna di prepotenza e si prende la qualificazione. Semifinale possibile. Finale un po’ difficile.
MEDAGLIA: 2%

Hassane Fofana

Il suo 7.66 di qualificazione è un tempo che paragonato con il 7.43 di Jarret Eaton non lascia scampo. Anche per lui semifinale alla portata. La finale no.
MEDAGLIA: 2%

Anna Bongiorni

Agli italiani ha corso in 7.27, ma ai Mondiali vale il 29° tempo di accredito. Servirebbe un nuovo personale per sperare in un qualcosa di più di una semifinale (e già per questa c’è da andare).
MEDAGLIA: 2%

Ayomide Folorunso

La grinta della nostra Ayo è sicuramente un’arma che nell’ultimo giro, fra spallate e imprecazioni, potrebbe fare la differenza. 2″ però la separano dalle migliori. Obiettivo? Rimanere in gara il più possibile.
MEDAGLIA: 2%

Raphaela Lukudo

La migliore nei 400 quest’anno in Italia (53.08). Anche per lei però l’obiettivo è rimanere il più possibile in gara con un occhio di riguardo alla 4x400m.
MEDAGLIA: 1%

Veronica Borsi

Ripescata all’ultimo grazie ai target number. Per lei riessere a questi livelli è già importante. Almeno il seasonal best facciamolo, eh!
MEDAGLIA: 1%

Elisa Maria Di Lazzaro

La più giovane del gruppo. 19 anni e tutto da imparare. I target number le hanno dato una bella opportunità per crescere. Sfruttala bene Elisa!
MEDAGLIA: 1%

 

Chi tenere sott’occhio: i favoriti

La stella di questi Mondiali indoor è senza ombra di dubbio l’americano Christian Coleman, fresco fresco di record del Mondo dei 60m; chissà se in terra britannica possa ritoccare ancora quel 6.34 fatto registrare una decina di giorni fa. A poterlo insidiare il connazionale Ronnie Baker (6.40) e la rivelazione con gli occhi a mandorla Su Bingtian (6.43), che oltre il record asiatico ha pure battuto il nostro Filippo Tortu (qui assente per scelta tecnica) nella gara di Berlino. L’alto femminile sembra una sfida alla medaglia d’argento, con Maria Lasitskene due gradini sopra tutte che non intende interrompere la sua striscia quasi infinita (37 per la precisione) di vittorie di fila. Alle sue spalle una schiera di ragazze capitanate da Yuliya Levchenko si contenderanno i due posti disponibili sul podio. Fra i maschi sfida fra Mutaz-Essa Barshim (2.38m) e il russo (ops…Atleta Neutrale Autorizzato) Danil Lysenko (2.37m). Occhio anche alla gara del peso con Tomas Stanek (22.17m), Konrad Bukowiecki (22.00m) e Tomas Walsh (21.87m).

Christian Coleman 6.34 60m WR

4 settimane fa era diventato il più veloce della storia sui 60m indoor correndo a Clemson in 6.37. Poi però a causa di alcuni standard della Federazione internazionale non rispettati, il suo tempo non è stato ratificato.Stanotte ai campionati americani, Christian Coleman si è preso ciò che voleva fin dall'inizio: titolo nazionale e soprattutto il RECORD DEL MONDO con un pazzesco 6.34.Usain Bolt ha già trovato un (mezzo) erede.[🎥 USATF.TV]

Pubblicato da La gang degli Atleti disagiati su domenica 18 febbraio 2018

Nei 60m donne la svizzera Mujinga Kambudji (7.03) vorrà essere sorpresa 2018 delle gare al coperto fino alla fine con Javianne Oliver (7.02), Tatjana Pinto (7.06), Maurielle Ahourè (7.07), Marie-Joseè Ta Lou (7.07) e Dafne Schippers (7.09) a lottare prima per un posto in finale e poi per una medaglia. I 1500m e i 3000m vedranno la doppia sfida fra Genzebe Dibaba e la giovane ma arrembante tedesca Kostanze Klosterhalfen. Nel salto con l’asta occhi puntati sulla lotta a stelle e strisce fra Sandi Morris (4.90) e Katie Nageotte (4.91) con la campionessa Mondiale all’aperto Ekaterina Stefanidi che è pronta a graffiare una nuova medaglia.

 

Le bellezze del campo (per la gioia dei maschietti)

Oltre che brave sul piano atletico, le ragazze in gara ai Mondiali indoor ci regaleranno qualcosa anche sul piano dell’amore a prima vista. Fari puntati sulla gara del salto in lungo femminile: Ivana Spanovic (6.93m) e Khaddi Sagnia (6.85m) rischieranno di farvi venire un infarto. Nell’asta l’abbondanza di Alysha Newman e la freschezza di Eliza McCartney non vi faranno certamente cambiare canale. Paraskevi Papachristou nel triplo donne se la vedrà con la bellezza lituana di Dovilé Dzindzaletaitè. Da non dimenticare nei 60HS il ritorno di Michelle Jenneke e nel pentathlon la biondissima austriaca Ivona Dadic.

dadic-nike
Ivona Dadic
« 1 di 16 »

 

Orario, diretta TV e streaming

I Mondiali indoor andranno in onda in diretta TV su Rai Sport nelle prime due giornate, mentre Sabato e Domenica saranno trasmessi in STREAMING sul sito www.raisport.rai.it (o in differita/sintesi TV in orario da metronotte).

  • Giovedì 1 Marzo, DIRETTA TV Rai Sport 18.55-22.15;
  • Venerdì 2 Marzo, DIRETTA TV Rai Sport 11.00-13.30, 13.45-15.30, 18.55-20.00 e 20.30-22.45;
  • Sabato 3 Marzo DIRETTA sito Rai;
  • Domenica 4 Marzo DIRETTA sito Rai.

Potete trovare gli orari completi delle gare sul sito della IAAF.

Per conoscere ulteriori dettagli e aggiornamenti durante i Mondiali, vi invitiamo a seguire anche i nostri account social:

(foto copertina Fidal.it)