Storie dal Mondo

Grazie Gabriele, ultimo guerriero del fango

Domenica ad Osimo la sua presenza è passata un po’ in sordina. Da tanti, troppi anni è stato un habitué degli appuntamenti con erba, terra e fango, e ormai la sua presenza sul campo era diventata un qualcosa di scontato. Faceva più notizia la sua assenza che la sua presenza. Ma da oggi dovremmo purtroppo farci l’abitudine.

In 21 anni con le Fiamme Gialle, Gabriele De Nard ha macinato più chilometri delle nostre auto. Mentalità vecchio stampo, fatta di duro lavoro e disciplina, fisico possente, grinta e determinazione lo hanno eretto a bandiera della nazionale nelle varie competizioni campestri sparse per il globo. Thun, Ostenda, Belgrado, Budapest, Fukuoka, lui c’era e come un punto fermo, con il passare degli anni, ha raccolto i gradi di capitano e di maestro per i più giovani.

Nato come corridore di montagna, Gabriele non disdegnava nemmeno la pista. Nella sua carriera ha corso in 7’48” i 3000m e 13’34” i 5000m. Pluricampione italiano ha deciso di dire basta. Già un anno fa la non convocazione per gli Eurocross di Hyères non gli era andata giù, ma lui, testardo come solo i “trattori da fango” sanno essere, ha tirato dritto fino a Domenica, dove ad Osimo ha deciso di chiudere sui percorsi da lui più amati.

Grazie di tutto Gabriele!

(Foto Giancarlo Colombo/Fidal)

One Response

  1. Grande atleta,ma sopratutto grande uomo

Comments are closed.